A Vela

Malafemmena

L'idea

Con questo 78 piedi in carbonio progetto della Vismara i Cantieri Valdettaro di Le Grazie inaugurano una nuova era. Senza rinnegare la grande tradizione dei maestri d’ascia che li ha resi famosi negli anni 90’, citando per tutti il restauro di Orion e la costruzione del 34 metri Run Away, i Cantieri Valdettaro del terzo millennio si aprono verso una più moderna concezione costruttiva e con una rinnovata veste imprenditoriale.

Specifications

Cantiere
Vismara
Modello
V78
Anno
2003
Lunghezza
24 M
Larghezza
5,80 M
Pescaggio
4 M
Dislocamento
30000 KG
Superficie Velica
346 Mq
Materiale Costruzione
Sandwich di fibre di Carbonio pre-impregnate di resina epossidica
Zavorra
10000 KG

Il Progetto

L’imbarcazione è l’evoluzione dell’ormai noto 78’ “Ghibellina”, di cui riprende gli alti contenuti tecnologici e la semplicità delle forme. Più spiccata invece la sua vocazione sportiva, che ha comportato per la Vismara un livello di progettazione ancora più sofisticato e mirato al raggiungimento di alte performance.
Rispetto alla numero 1 quindi il Valdettaro 78 Performance Cruiser risulta più leggero, più stabile, con appendici più lunghe e efficienti, che consentono quindi un piano velico più generoso. La filosofia progettuale della Vismara da sempre orientata verso l’uso bivalente dei materiali compositi sia per la costruzione che come elemento di arredo, si ritrova in gran parte anche in questo progetto.

Design

Scafo, coperta e paratie strutturali sono infatti realizzate in composito, con l’uso di fibre unidirezionali di carbonio pre-impregnate e postcurate sottovuoto a 90°, carbonio che negli interni rimane a vista lungo le fiancate, mentre le paratie sono verniciate con un provocante rosso porpora, che contrasta con il tenue teak sbiancato dei mobili. Gli interni realizzati con la collaborazione di Lapo Ruffi sono più simmetrici soprattutto nella zona prodiera, che prevede nella cabina armatoriale due letti separati anziché il matrimoniale a murata. Procedendo verso poppa si trovano poi le due cabine ospiti gemelle ciascuna con bagno e a centro barca la spaziosa dinette. La poppa invece è dedicata a dritta alla cucina organizzata in locale separato e a sinistra alla cabina dell’equipaggio. Questo nuovo layout favorisce inoltre l’abbassamento del bordo libero che dal punto di visto progettuale consente alla barca di raggiungere maggiori prestazioni, oltre ad un’estetica più filante. La semplicità e la pulizia della coperta di Ghibellina, diventano punti di partenza e di ispirazione per il nuovo Valdettaro 78, decisamente e ancora più minimalista. Le manovre sono così ulteriormente semplificate con la predisposizione di 3 captive winch (verricelli a raccoglitori) per la gestione della randa e del giro del Genoa e posizionati in sala macchine, come quelli adottati sull’ultimo tecnologico Baltic 147. Due soli i winch ad estrema poppa per le drizze e il gennaker. Il piano di coperta è flush deck e con un grande pozzetto dotato di due ruote in carbonio e diviso in area di lavoro a poppa e zona living a prua. I tambucci e tutto l’hard-ware è custom e a scomparsa. Ad estrema prua è prevista un’ampia calavele. Il sistema dell’ancora, che da sotto lo scafo è un’evoluzione del sistema già adottato da altri cantieri, ma migliorato e ottimizzato nel senso di una maggiore affidabilità.

Meet your referent

Alessandro degl’Innocenti

Alessandro degl’Innocenti

Sales and brokerage manager

Vismara Marine